Otite: sintomi, cause e cura

Otite: sintomi, cause e cura


Quando si parla di otite ci si riferisce a una infiammazione dell’orecchio, che può essere di di diversa matrice e che va diagnosticata in base anche dell’area dell’orecchio in cui si presenta.

Tipi, sintomi e cause

In base alle tipologie di otite ci sono cause e sintomi specifici da prendere in considerazione. Vediamo insieme le differenze:

  • Otite interna: nota anche come labirintite perché affligge il labirinto dell’orecchio e inficia il senso dell’equilibrio e dell’ascolto. Può essere conseguente all’azione di virus o batteri, ma anche conseguente a reazioni allergiche e forte stress.
  • Otite media: è di matrice batterica o virale, colpisce spesso i più piccoli e ne è la forma più grave. Colpisce la tromba di Eustachio, il condotto che collega l’orecchio alla faringe e che, per l’appunto, è più corto nei bambini e permette ai patogeni di annidarsi più facilmente.

È spesso accompagnata da febbre, naso chiuso, tosse e mal di gola. Nelle forme più gravi o non curate può portare a acufene, perforazione del timpano e riduzione delle capacità uditive.

  • Otite esterna: consta di un’infiammazione del canale auricolare esterno, è causata da agenti patogeni e può manifestarsi anche con eczemi e pustole. È causata spesso da un eccesso di umidità nell’area delle orecchie, accumulo di cerume, secchezza del canale auricolare e colpi di freddo. Anche qui i più colpiti sono i bambini, e si presenta generalmente con un fastidioso prurito dell’orecchio che diventa dolore nel tempo.

Cause

Pur avendo già analizzato le cause principali per ogni tipo di otite, vediamo in linea generale quali sono quelle più ricorrenti:

  • Allergia locale che porta a grattare il condotto uditivo,provocando lesioni.
  • Infezioni delle alte vie respiratorie che portano a un restringimento della tuba di Eustachio corroborando il depositarsi delle secrezioni e la proliferazione di batteri, virus e funghi.
  • Patologie cutanee come l’eczema e la psoriasi.
  • Unsistema ciliare mal funzionante che non arriva a disfarsi delle secrezioni prodotte dal condotto uditivo, con susseguente accumulo.

Cura

La gran parte delle otiti guarisce spontaneamente o con le terapie mediche adottate.

Solitamente, le terapie consigliate dall’otorinolaringoiatra risolvono il problema in tempi ben definiti, ovviamente quando osservate fino alla fine. Può capitare che i disturbi scompaiano prima, ma la terapia va seguita per tutto il tempo consigliato dal medico, al fine di evitare ricadute.

I medicinali utili per trattare l’otite sono di diversi tipi: il medico potrebbe prescrivere degli antibiotici, se la causa è batterica, oppure degli antinfiammatori se bisogna trattare dolore e gonfiore, o ancora dei decongestionanti nasali quando il disturbo si presenta parallelamente a un raffreddore, fino agli antistaminici quando l’otite è correlata alla presenza di allergie.

Tra i rimedi naturali da adottare sempre in presenza di un’altra persona, data la delicatezza dell’apparato uditivo, troviamo:

  • Olio d’oliva riscaldato e inserito in gocce nell’orecchio.
  • Impacchi di camomilla applicati sull’orecchio dolorante.
  • Oli essenziali, sempre in gocce, tra cui quello alla lavanda è il maggiormente adoperato.

Se desideri approfondire l’argomento oppure porre semplicemente qualche domanda, contattaci. Il nostro team di professionisti sarà felice di risponderti.